Covid-19 e le Teorie del Complotto nei gruppi in Rete

di Giorgia Fiocchetti

La situazione che stiamo vivendo ha indubbiamente stravolto le nostre vite in un modo che nessuno mai avrebbe potuto immaginare. Questo periodo di incertezza e instabilità ha generato, in noi tutti, differenti questioni alle quali ognuno cerca di rispondere a modo proprio. Una sola cosa è certa: nell’attuale circostanza di lontananza fisica l’unico modo per restare connessi è tramite il mondo digitale – videochiamate, social media, messaggistica istantanea, sono diventate le nostre vie d’uscita dalla realtà; i dispositivi sono ormai la nostra “finestra” sul mondo. Ed è proprio in questi luoghi che vengono esplicitate le nostre reazioni alla pandemia, evidenziando una cospicua fetta della popolazione che, tramite i gruppi Facebook, fa circolare teorie del complotto che sembrerebbero negare l’esistenza del virus Covid-19, credendolo un’invenzione dei “poteri forti” per assoggettare la popolazione mondiale e portare avanti il cosiddetto Reset Globale.

* * *

Conoscere i luoghi digitali: i gruppi Facebook

Il social più utilizzato per la condivisione di queste teorie del complotto è, senz’ombra di dubbio, Facebook. Visionando i molti gruppi che trattano dell’argomento sul social, veniamo sommersi, infatti, da una grande varietà di informazioni all’interno di una fitta rete di collegamenti tra vari supporti digitali, video, interviste live, documenti, foto, che vengono condivisi su più piattaforme. Nella sezione dei commenti dei post che si trovano nei gruppi Facebook, le persone mostrano indignazione nei confronti del lavoro svolto dai politici, la rabbia nella limitazione della libertà personale, per la chiusura di negozi, per i fallimenti di attività, per la povertà crescente, per la paura di un futuro incerto.

Forse non tutti credono alle teorie del complotto riguardo al virus, forse sono lì solo per frustrazione, per sfogarsi, o forse per semplice curiosità, ma per molti è il primo passo attraverso il quale vengono a contatto con la cospirazione. E chi è più esperto se ne rende conto infatti, proprio qui, troviamo anche persone che fanno propaganda per altri luoghi. Uno dei più interessanti che si può raggiungere tramite i gruppi Facebook aperti è una piattaforma autonoma nata in questo periodo, con lo scopo di fornire informazioni reali, al contrario di quanto fanno TG e giornali.

L’organizzazione è ben gestita. Oltre ad avere un proprio sito autonomo infatti, sono muniti anche di un canale Youtube e una pagina Facebook e, da entrambi, condividono documenti, video, o parte di essi, con titoli accattivanti, così da portare nuovi potenziali spettatori ad approfondire le varie questioni sul loro sito. Per avere un approccio più “diretto”, è possibile poi assistere, sulle varie piattaforme, alle live che si tengono settimanalmente e che sono condotte dal fondatore di tale progetto.

Qui non vengono esposte esclusivamente teorie del complotto ma anche interviste a vari professionisti del settore medico come dottori, infermieri e farmacisti, allo scopo di “smascherare” le bufale del governo. I punti su cui ci si sofferma di più sono la questione del vaccino, il Reset Globale e la mascherina come controllo dell’individuo e limitazione della libertà personale.

* * *

Live sul “Nuovo ordine mondiale”

Nella mezz’ora che precede l’inizio della live ci si può collegare e assistere alla visione degli stessi filmati presenti sui vari social, resi incomprensibili dalla copertura di intere frasi con bip. Alcune scene, forse le più importanti, vengono velocizzate per non essere comprese. Il perché di tutto questo ci viene spiegato non appena la live inizia, i video integrali, infatti, si trovano sul sito, ma sono comunque fortemente censurati per non essere cancellati “dai poteri forti”. Per poter accedere ai contenuti senza restrizioni è dunque necessario pagare un abbonamento mensile alla piattaforma. E sono in molti ad essersi abbonati alla piattaforma, considerando che, in media, ad essere collegati per seguire lo streaming sono più di duemila.

Dopo il piccolo discorso iniziale riguardo i pagamenti, viene mostrata una scena del film Matrix, citazione che ritroviamo più volte nella piattaforma; “ci hanno intrappolati nel Matrix”, si ripete più volte il creatore del progetto, intendendo che i politici italiani, meri attori di una recita voluta dall’ordine degli Illuminati, ci hanno chiusi in casa, impedendoci di viaggiare per non farci rendere conto che gli altri stati, in realtà, vivono normalmente. Questo discorso viene sostenuto da filmati di varie parti del mondo, tra cui il Brasile, dove le persone ridono e ballano senza mascherina, per evidenziare il fatto che, in realtà, la variante brasiliana sia una bufala.

“Voi per quale pillola siete?” chiede poi il conduttore della live, ponendo gli spettatori di fronte a due possibilità, proprio come il famoso film fantascientifico: scoprire la verità celata dai poteri forti, oppure continuare a obbedire al governo come pecore. Nei commenti gli spettatori non perdono occasione per dire la loro e additare le persone che seguono le normative vigenti come “stupidi”, “pecoroni” o, qualcuno scrive, “involucri vuoti creati appositamente per mantenere lo status quo”. Il conduttore insiste su questo punto, spiegando come sia tutto un piano divino per distruggere questi individui che, oltre a non essere in grado di pensare con la loro testa, incolpano coloro che hanno capito la verità, di essere cospirazionisti, deridendoli. Ma il Covid-19, spiega, non è realmente pericoloso, il virus non è mortale tranne per coloro che hanno più di 95 anni e che sarebbero morti comunque per altre problematiche. Il creatore della piattaforma procede poi con l’elencare i vari punti del progetto per il Reset Globale che porterà all’ascesa del nuovo ordine mondiale.

Il primo passo già lo stiamo attraversando: il lockdown generale e la vaccinazione dell’intera popolazione. In un secondo momento, invece, avverrà l’esclusione dalla società di coloro che non sono stati vaccinati (viene fatto l’esempio di Israele e del passaporto vaccinale, per lui “bollino del traditore, della bestia”, di Satana). Come terzo punto troviamo l’aumento delle tasse per far scomparire il ceto medio e creare due categorie distinte: miliardari e poveri, che vivranno con il reddito di cittadinanza per essere resi schiavi. Verrà incentivata la digitalizzazione, con lo smart working, il fallimento dei ristoranti che verranno sostituiti da Deliveroo, il 5G posizionato ovunque per la face recognition, il controllo della popolazione.

Il contante verrà completamente digitalizzato, così che la centrale madre potrà accedere al conto di ognuno in qualsiasi momento. Infine, verranno chiusi i canali scomodi. Quando questo piano verrà attuato, la conseguenza immediata sarà l’aumento della povertà e della prostituzione, soprattutto minorile; l’Italia diventerà un paese del terzo mondo, come la Thailandia. Il nuovo governo sarà quello di Satana sulla terra che, grazie all’aiuto degli illuminati, avrà creato un mondo pieno di schiavi, ovvero coloro che indossano la mascherina e si sono resi disponibili alla vaccinazione.

Grazie alle nanotecnologie presenti nei vaccini, che ora ci stanno somministrando, saranno in grado di controllarci tramite il 5G e “farci venire un ictus”, spiega il conduttore della diretta. La mascherina, poi, non c’entra nulla con il virus, è solo un modo per il governo di “tapparci la bocca”, di farci stare zitti e al nostro posto, per mettere in chiaro che sono “loro” a comandare. Per cercare di impedire che questo accada, il fondatore di questa piattaforma consiglia di ritirare immediatamente tutti i soldi che si hanno in banca, prima che sia troppo tardi, e convertirli in oro. Inoltre suggerisce di alzare le serrande dei negozi e de ristoranti, per chi li ha, di togliersi la mascherina e respirare, perché il virus non è un problema e noi siamo liberi.

* * *

Giorgia Fiocchetti (Narni, 1999) dopo aver affrontato un percorso di durata triennale in “Scienze e Tecniche Psicologiche” conseguito all’Università di Roma “La Sapienza”, comprende che la sua vera vocazione è l’Antropologia ed è infatti oggi studentessa al primo anno presso l’Università “Alma Mater Studiorum” di Bologna e frequenta il corso di Laurea Magistrale “Antropologia Culturale ed Etnologia”. Il suo forte interesse per i luoghi e i linguaggi digitali, l’ha portata a venire in contatto con l’Antropologia Digitale, di cui ne ha subito capito l’importanza e l’attualità.