10 insight dagli Stati Uniti: dalle creme per militari ai brufoli pop

Quando ci siamo ritrovati a scegliere insight e trend dagli Stati Uniti, abbiamo avuto l’imbarazzo della scelta. Così, abbiamo cercato di intercettare i segnali più interessanti, in un Paese che sta continuando a riprendersi dalla recessione e affrontando tensioni sociali, razziali e politiche. E se volete recuperare le puntate precedenti, qui ci sono Emirati Arabi Uniti, India, Cina, Australia, Francia, Giappone, Germania, Brasile, Regno Unito e Russia. Buona lettura!

* * *

1. L’app intelligente per pianificare i pasti

Kraft ha lanciato un’app di pianificazione dei pasti che grazie all’intelligenza artificiale utilizza le preferenze di gusto e le valutazioni degli utenti per fornire suggerimenti per acquistare e cucinare cibo. L’app si chiama Meal Hero, è disponibile gratuitamente su Apple Store e Google Play, ed è stata sviluppata da Evolv Group, il braccio dell’innovazione tecnologica di Kraft. Meal Hero genera anche ricette su misura e liste della spesa interattive basate su preferenze dietetiche e disponibilità al dettaglio. Gli utenti possono quindi esportare le loro liste della spesa su Instacart e avere il cibo consegnato a casa.

* * *

2. Le creme per la pelle dei militari

Ebbene sì, c’è un marchio per la cura della pelle che si chiama Bravo Sierra e ha un pubblico preciso e insolito: l’esercito americano. Dopo aver testato la gamma su almeno 1.000 membri delle forze speciali, sono stati lanciati gli otto prodotti inaugurali del marchio – tutti a meno di 15 dollari. Sono venduti sia nei campi base che online, con il 5% delle vendite destinate ai programmi di benessere e ricreazione per aiutare la comunità militare.

* * *

3. Il dating di Facebook

Facebook ha lanciato – per il momento solo negli Stati Uniti, ma dal prossimo anno anche in Italia – un servizio chiamato Facebook Dating, che si integra con Instagram e che promette di sfruttare approfondimenti dai dati personali, nel tentativo di competere con app del calibro di Tinder. E, nel tentativo di alleviare i problemi di privacy, Facebook Dating non mostrerà gli amici di Facebook come potenziali match, offrendo anche un’opzione per mostrare solo le persone con cui abbiamo zero amici comuni.

* * *

4. Il canale YouTube del supermercato

La catena di negozi di alimentari Trader Joe’s ha lanciato un canale YouTube, con il suo caratteristico tono giocoso. Il canale offre ciò che molti giovani cercano online: contenuti facili da consumare, in un formato adatto ai meme, con un pizzico di umorismo assurdo. Il canale ospita anche un podcast, “Inside Trader Joe’s“, che offre uno sguardo su come è gestita l’attività, ma la maggior parte degli altri video sono puro intrattenimento, dalla creazioen del caffè freddo al bizzarro tributo al sedano.

* * *

5. Le toppe di pelle tecnologica

Sviluppato dai ricercatori della Carnegie Mellon University, ElectroDermis funziona come un cerotto, aderendo alla pelle in modo comodo e chic. A differenza degli smartwatch rigidi e degli occhiali, queste toppe sono adattate a parti specifiche del corpo umano, progettate per flettersi e adattarsi al corpo dell’utente. Usano i sensori per monitorare tutto, dai segni vitali al movimento articolare, facendosi spazio nella riabilitazione e nell’assistenza sanitaria.

* * *

6. La realtà virtuale per allenare le emozioni

Non è un segreto che le abilità sociali ed emotive stanno diventando più importanti nel mondo del lavoro. Talespin utilizza la tecnologia VR per aiutare le aziende a sviluppare queste competenze al fine di ottenere il meglio dal proprio personale. Il marchio ha testato il suo software attraverso una demo in cui gli utenti hanno interpretato il ruolo di un manager delle risorse umane che licenziava un personaggio chiamato Barry, programmato per mostrare una serie di reazioni emotivamente realistiche.

* * *

7. La piattaforma del benessere

WellSet, startup con sede a Los Angeles, si sta affermando come Airbnb per il benessere, aiutando le persone a trovare, prenotare e raccomandare facilmente i professionisti. Posizionandosi sotto la formula “assistenza sanitaria preventiva“, WellSet mette in luce esperti certificati da controlli e referenze, consentendo alle persone di trovare servizi su misura in base a problemi di salute, prezzi, posizione e valutazione.

* * *

8. L’educazione tecnologica per i senior

Senior Planet è un’organizzazione che aiuta gli americani più anziani a capirne di più di tecnologia. Si tratta di un centro a tema tecnologico lanciato inizialmente a New York da Olat Adults Technology Services (OATS) senza fini di lucro, e che adesso ha aperto uno spazio a Palo Alto, in California. L’obiettivo dell’organizzazione è aiutare gli anziani ad adattarsi a un mondo in cui le nuove tecnologie sembrano funzionare solo per mantenerle emarginate. Qui le persone possono imparare tutte le basi della tecnologia, ma possono anche progredire verso un’istruzione più avanzata se vogliono usare la tecnologia per fare piccoli lavoretti.

* * *

9. I brufoli instagrammabili

Starface crea patch per brufoli a forma di stella e Instagram-friendly che mirano a rendere un po’ più divertente il trattamento dell’acne. I suoi cerotti idrocolloidi trattano i brufoli e accelerano il recupero assorbendo i liquidi e tenendo fuori i batteri, ma la loro caratteristica più distintiva è il design, con le giocose stelle gialle che offrono “infinite opportunità per trasformare il tuo viso in una costellazione”. I brufoli, dunque, vengono normalizzati, anche grazie a star come Justin Bieber che dichiara che “i brufoli sono fighi” e la modella Louisa Northcote che istituisce l’hashtag #freethepimple per incoraggiare i giovani a non vergognarsi.

* * *

10. La sensory room dentro lo stadio

Numerose squadre della NFL, la National Football League, hanno creato sale speciali nei loro stadi per ospitare tifosi e famiglie per soddisfare le esigenze delle persone con disabilità e offrire un ambiente più inclusivo. La Philadelphia Eagles è stata la prima squadra della NFL ad aprire una sala sensoriale all’interno del suo stadio. Lo spazio è stato progettato da professionisti del settore medico e include schede attività per rilassarsi, blocchi di grandi dimensioni e cuffie che cancellano il rumore.

* * *

Alice Avallone (Asti, 1984) insegna alla Scuola Holden e fa ricerca con l’etnografia digitale per le aziende. Da anni, infatti, unisce scienze sociali e ricerca in Rete per comprendere le relazioni umane online: codici, comportamenti, linguaggi. In passato ha scritto una guida di viaggio con la rivista Nuok (Bur), il manuale Strategia Digitale (Apogeo), e ha curato il libro Come diventare scrittore di viaggio (Lonely Planet). Per Franco Cesati Editore ha pubblicato il saggio People Watching in Rete. Ricercare, osservare, descrivere con l’etnografia digitale e il manuale di scrittura per il turismo Immaginari per viaggiatori. A inizio 2021 tornerà in libreria con #Datastories. Alla ricerca di small data con l’etnograifa digitale per la collana Tracce di Hoepli.